Occidentali’s karma – Il lato oscuro della meditazione

Gabbani_Occidentalis_karma_meditazione

Dopo la vincita di Francesco Gabbani a Sanremo 2017 con Occidentali’s Karma, Myo Magazine ha approfondito la situazione del “movimento della consapevolezza (o presenza mentale)” e il risultato è stato pubblicato nella sezione Saggi.

Negli ultimi anni è sempre più frequente sentir parlare di meditazione, consapevolezza e tecniche di rilassamento applicate a qualsiasi cosa, proposte come una panacea per qualsiasi male dell’uomo moderno. È veramente così? A quanto pare, come nel  Signore delle Mosche di William Golding una pacifica isola deserta può diventare un inferno, così la meditazione può rischiare di diventare un’arma di distruzione di massa. Questa è (ovviamente) un’esagerazione, ma negli ultimi anni si è scoperto che anche la meditazione ha il suo lato oscuro.

Lo sganciamento dal contesto buddhista e religioso, infatti, pur rappresentando un comprensibile espediente per applicare qualcosa di settoriale al mercato aperto odierno può portare ad una sfortunata denaturazione di questa antica pratica, nata in origine per qualcosa di più che alleviare il mal di testa, ridurre la pressione sanguigna o aiutare i dirigenti ad essere più concentrati e diventare così più produttivi.

Continua a leggere…

 

Cerimonia buddhista a suon di musica techno

Il Buddhismo in Giappone ormai da diversi anni è in forte crisi, così i preti cercano di trovare sempre nuovi modi di attrarre le persone nei templi. Compresa la musica techno.

Da una ricerca di Asahi Shimbun ben 434 templi in Giappone hanno chiuso negli ultimi dieci anni e 12,065 templi buddhisti non hanno un monaco residente. Si pensa che un terzo dei templi buddhisti chiuderà entro il 2040. La prospettiva non è rosea e per combattere questo fenomeno nel corso degli anni sono state tante le iniziative per avvicinare i giovani ai templi buddhisti, c’è chi si è fatto aiutare dai manga chi dall’astronomia. L’ultima trovata sembra essere quella di sfruttare la passione dei giovani per la musica, in questo caso musica elettronica.

Continua a leggere…

Il Nirvana finale di Shakyamuni

Resoconto dell’ultimo viaggio del Buddha, prima della sua entrata nel Nirvana. Continua a leggere

Incantatori di serpenti: fra tradizione e bracconaggio

I Saperas, antica comunità indiana di incantatori di serpenti, sta sparendo. A minare la sua esistenza è principalmente la tutela della fauna selvatica nel paese, e le difficoltà economiche che il divieto delle loro pratiche del 1991 ha portato. Per questo molti di loro ora si danno al bracconaggio.

Continua a leggere…

App per imparare il Giapponese

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo sulle app che ci aiutano con il sanscrito, ma occupandoci di buddhismo spesso si può aver a che fare con il Giapponese. Quindi ecco una bella lista di app gratuite (Android e iOS) che ci aiutano ad imparare il Giapponese.

Leggi tutto…

Tecnologia e musica: come le app aiutano il nostro benessere

start-up_suono_medicina

La cura per il benessere psicofisico delle persone è sempre più in voga nelle società di oggi e in questo filone si stanno inserendo molte start-up. Di seguito un approfondimento su alcune delle start-up più all’avanguardia che utilizzano il suono per curare malattie e fornire un’automedicazione.

Leggi tutto

La meditazione e i buoni propositi per l’anno nuovo

Anno nuovo, tempo di nuovi buoni propositi. Spesso però non è ancora finito gennaio che già abbiamo trovato mille scuse per essercene dimenticati o per non averli rispettati. Come mai di questo? Un aiuto ce lo fornisce Bodhipaksa, praticante e maestro dell’ordine Buddhista Triratna.

Il tema dell’articolo è la meditazione, ma crediamo che i consigli forniti siano validi per qualsiasi buon proposito abbiate fissato.

Articolo originale: Why your New Year’s meditation resolutions fail, and how to make them stick (di Bodhipaksa) Pubblicato il: 30.12.2016
Traduzione: Laura Silvestri

Leggi tutto