Sange, il pentimento nel Buddhismo

Sange Buddhismo

Recentemente Myo Edizioni ha pubblicato il “Sutra della Meditazione sul Bodhisattva Samantabhadra”.
Il Sutra fa parte del così chiamato “Triplice Sutra del Loto” composto dal “Sutra degli Innumerevoli Significati”, il “Sutra del Loto” e appunto il Sutra di Samantabhadra. Come indica la presentazione che potete leggere qui questo Sutra è incentrato sui riti di pentimento:

Il Buddha disse ad Ananda: “Ascoltatemi attentamente! Ascoltatemi attentamente, meditate e ricordate! In passato, sul monte Gridhrakuta e in altri luoghi, il Tathagata ha già ampiamente spiegato la via dell’unica realtà. Ma ora, in questo luogo, io predicherò la Legge che ho custodito, per coloro del tempo a venire che vorranno praticare la suprema Legge del Grande Veicolo e per coloro che vorranno conoscere le opere di Virtù Universale e seguirle. Sia che abbiate già visto o no Virtù Universale, ora vi spiegherò i passi da seguire per ridurre il numero dei vostri peccati.
[Sutra della Meditazione sul Bodhisattva Samantabhadra, p. 8]

Nel buddhismo la pratica di pentimento è descritta con la parola sange.
Ecco quindi un approfondimento su questo termine e come viene interpretato nel Buddhismo.
Continua a leggere…

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...