Tre religioni per Berlino

house of one berlino
“Ci sono un rabbino, un imam e un prete che…” potrebbe iniziare una barzelletta. Ma in questo caso, invece, si tratta di una cosa seria e unica al mondo: tre confessioni religiose sotto un unico tetto.

“Berlino diventerà presto la casa di qualcosa veramente unico. Ebrei, cristiani e musulmani hanno in progetto di costruire una casa di devozione qui – una che unisca una sinagoga, una chiesa e una moschea sotto un unico tetto.” recita la presentazione del progetto.

Il progetto si chiama House of One ed è nato dall’idea del pastore protestante Gregor Hohberg che ha trovato alleati nella comunità ebraica, con il rabbino Tovia Ben-Chorin, e in quella musulmana, nella persona dell’imam Kadir Sanci. Così nel 2012 si è instaurato un concorso di design vinto dal progetto dello studio berlinese Kuehn Malvezzi, fondato dall’italiana Simona Malvezzi e dai tedeschi Wilfried e Johannes Kühn.

Tanto è simbolico il progetto quanto il luogo dove sorgerà. Il sito sarà quello dove stava la prima chiesa di Berlino, San Pietro, risalente al 12° secolo, fino a quando non fu distrutta alla fine della Seconda Guerra Mondiale (venne danneggiata dall’Armata Rossa che liberava Berlino e in seguito anche dalle autorità della Germania dell’Est). All’interno le tre aree destinate alle tre diverse religioni saranno sullo stesso piano e occuperanno lo stesso spazio, ma con forme diverse, per seguire i rituali delle tre confessioni religiose: “Ci sarà un organo in chiesa e luoghi dove fare le abluzioni nella moschea. Ci saranno due piani nella moschea e nella sinagoga, mentre ci sarà solo un livello per la chiesa.” ha dichiarato Wilfried Kuehn.
“Ci sarà” spiega invece l’architetto italiano al Corriere della Sera “una grande piazza centrale, coperta, la “casa dello studio”, da cui si accede ai tre luoghi di culto, che non hanno nessuna gerarchia tra loro, cosa che ha rappresentato la forza del nostro lavoro. Poi, in alto, una loggia che vuole essere un luogo di meditazione per tutti: lo spazio dell’incontro e del dialogo.” Ma all’interno dello spazio comune si prevedono anche spettacoli, letture, concerti e workshops.

In passato diverse fedi hanno usato gli stessi edifici, ma non nello stesso periodo. Nel sud della Spagna le moschee sono divennero cattedrali, dopo la conquista cristiana. In Turchia, le chiese divennero moschee. Le vecchie cappelle gallesi in Gran Bretagna, a volte sono diventare moschee come aree di scambio – e la moschea di Brick Lane nell’East End di Londra, nacque come una chiesa nel 18° secolo, ma in seguito divenne una sinagoga, prima di passare sotto l’Islam, e ora è diventato un luogo di culto per la comunità musulmana.

Il progetto comunque ha ancora molto prima di essere completato: la realizzazione finale costerà più di 43 milioni di euro e si spera che la “House of one” sarà conclusa per il 2018. Per non andare incontro a divisioni neanche sul piano del finanziamento, si è scelto di finanziare la realizzazione sul crowfounding: chiunque può acquistare un mattone simbolico a 10€ l’uno tramite il sito web House of One, qui. L’iniziativa si augura di raccogliere 43,5 milioni di euro entro l’inizio del 2016. Dopo tre settimane dal lancio, 378 individui avevano già donato 18,700€.

Come sempre, per qualsiasi cosa anche qui c’è chi è favore e chi mostra dei dubbi su una iniziativa del genere. Chi invece sembra seguire la stessa direzione è un’associazione americana, la Tri-Faith, di Omaha in Nebraska (US): anche loro si sono messi d’impegno già da diversi anni per la costruzione di un campus multireligioso di 35 acri che sperano di riuscire a finire nel 2015.
Di seguito un video che parla dell’iniziativa americana:
https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=QXGAHHKrJAQ

Fonti: Positive News | Cairo Scene | BBC | Huffington Post | The Guardian

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...