Invece del solito zerbino la pietra di un tempio di 1300 anni fa

pietra-tempio-zerbino

Si dice che spesso che le cose che cerchiamo sono nei posti più impensati. Forse la famiglia Hickmott non cercava nulla di particolare, ma davanti alla porta di casa si è trovata un vero e proprio tesoro.
Il tesoro in questione è una pietra di granito di 2 metri e mezzo venduta per 500mila sterline, equivalenti a più di 600mila euro. Bronwen Hickmott aveva 4 anni quando questo particolare oggetto è stato trovato nel giardino della casa che i genitori avevano acquistato negli anni ‘50 da un piantatore di té che aveva vissuto in Sri Lanka. Non sapendo bene che uso farne e vista la forma, una volta cresciuta la signora Hickmott l’aveva posta di fronte alla porta di casa, chiamandola affettuosamente “The Pebble” (letteralmente “piccolo ciottolo”).

“Ho sempre amato The Pebble. Ho sempre saputo che era qualcosa di speciale.” afferma Bronwen Hickmott, tanto che nonostante le dimensioni di 2,5m per 1,5m e il peso di quasi mezza tonnellata ha accompagnato la donna per più di sei decadi, accompagnandola dal Sussex, a Bristol e infine a Devon.

Di certo però non si aspettava che fosse così tanto speciale. La pietra infatti è risultata essere la pietra appartenente ad un tempio buddhista e risalente a circa 1300 anni fa.
Essendo intenzionati a trasferirsi in un appartamento più piccolo, la famiglia si era rivolta alla trasmissione della BBC “Antiques Roadshow” e a Sotheby’s per averne una valutazione, ma entrambi non avevano mostrato interesse. È stato solo grazie a Sam Tuke della casa d’aste Bonhams [http://www.bonhams.com] che sono state trovate le origini dell’oggetto e per la prima volta la famiglia Hickmott capisce di avere in casa qualcosa di veramente speciale.
“Non avevo mai visto nulla del genere.” dice Sam Tuke “La qualità e la profondità delle incisioni erano straordinarie e ho pensato ‘devo capire che cos’è.’”

dharani sanscrito myo edizioni dharani

Il museo fa risalire la pietra al periodo Anuradhapura, fra il  400 a.C. e il 1017 a.C e secondo Alice Bailey, capo della sezione d’Arte Asiatica e Islamica di Bonhams, le incisioni di leoni, cavalli, elefanti e uccelli, sono la rappresentazione delle quattro fasi della vita: la crescita, l’energia, il potere e l’astensione. Prima della vendita era stata valutata fra le 30mila e le 50mila sterline: “C’era una grande interesse.” afferma Julian Roup, portavoce di Bonhams –  ci sono solo altri sette gradini di questo tipo esistenti al mondo, tutti situati in Sri Lanka – “Nonostante questo, non pensavamo di venderlo per un valore dieci volte superiore alla stima iniziale.”

La città di Anuradhapura è una delle più antiche capitali dello Sri Lanka, famosa per le ben conservate rovine dell’antica civiltà della nazione che la rendono parte del patrimonio dell’UNESCO. Per molti secoli è stata il centro del Buddhismo Theravada ed è una delle più antiche città popolate del mondo.

Fonti: Daily Mail | BBC | The Sunday Times

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...